• Pistorius rimarrà libero fino condanna

  • 27 anni, campione paralimpico Oscar Pistorius resterà libero su cauzione prima della pronuncia della sentenza. Ha detto il giudice della corte Suprema di Pretoria Токозиле Масипа, riferisce Reuters. Il verdetto su un caso di omicidio di un modello di Riva Стенкамп sarà annunciato il 13 ottobre.

    In precedenza l'atleta è stato riconosciuto colpevole di abusi della sua amica, la morte per negligenza. Писториусу rischia fino a 15 anni di reclusione.

    L'annuncio del verdetto sul caso di un atleta ha cominciato il giovedi, 11 settembre. Il giudice Токозиле Масипа ha detto che l'accusa non ha potuto fornire la prova che l'indagato deliberatamente uccise Riva Стенкамп.

    «Ha agito prontamente: cominciai a chiedere aiuto, ha chiamato 911, ha chiamato il mio amico e il servizio di sicurezza. Ha cercato di portare Стенкамп in un senso. Ha chiesto aiuto da un amico medico. Da questo si può dedurre che in realtà non sapeva, chi è dietro la porta. L'accusa non ha potuto dimostrare преднамеренность di omicidio. Essi non sono riusciti a dimostrare che l'imputato erano intenzione di uccidere погибшую», ha detto Токозиле Масипы.

    In precedenza, durante il mese di Pistorius, era ad una valutazione psichiatrica, che ha rivelato che al momento dell'omicidio era вменяем. Tuttavia, secondo i medici, паралимпиец soffre comune disturbo d'ansia. Questo è il motivo della sua reazione al pericolo può essere imprevedibile. Dopo la morte di modello di un atleta è iniziata la depressione.

    Per coprire le spese legali, Pistorius ha venduto la casa in cui era stato ucciso Стенкамп, per 315 migliaia di euro.

    Nel Giorno di san Valentino 2013, il modello è stato trovato in bagno in casa легкоатлета a Pretoria con ferite d'arma da fuoco. Protezione паралимпийца insiste sul fatto che l'omicidio è avvenuto a causa di una tragica casualità e l'atleta sparato, supponendo che in casa del ladro.

    http://lenta.ru

More news in the same category:

More Global News:

comments powered by Disqus