• Poroshenko ha parlato di odio verso la sua borsa di marca

  • Il deputato della Verkhovna Rada Alexandra Kuzhel ha detto che odia la sua marca di borsa, che aveva dovuto versare in un foglio di dichiarazione dei redditi per l'anno 2015. Su questo mercoledì, 2 novembre, ha detto in un'intervista al canale televisivo «112 Ucraina».

    «Qualcuno dei giornalisti ha scritto "Kuzhel si è vantato, borsa e gioielli". No, sono stata costretta a mostrare loro, perché io eseguo la legge! Ho возненавидила questa borsa, quando ha scoperto che dietro la borsa, perché non ho mai marchi non interessata», — ha detto Kuzhel.

    27 ottobre rappresentante di una fazione di «Patria» ha presentato e - dichiarazione, in cui ha sottolineato che tra le altre cose di sua proprietà si trova una borsa Hermes produzione francese, svizzero orologi Ulysse Nardin e gioielli. Secondo il documento, inoltre memorizza 27 mila dollari in contanti. Suo marito Alessandro Кирикилица dimostrato di essere il proprietario di tre auto, tre terreni, due appartamenti, una casa e 48 mila dollari in contanti.

    Ucraini funzionari erano tenuti fino al 30 ottobre per presentare componenti della dichiarazione, a cui puntavano le loro proprietà. Tali dati, in particolare, ha pubblicato e il presidente dell'Ucraina Pietro Poroshenko. Egli ha sottolineato che gli appartengono appartamenti a Kiev e Cantina, automobili, titoli, oggetti d'arte, conti bancari.

    Grande risonanza ha causato la proprietà dell'ex comandante volontario del battaglione «Danila», deputato della Verkhovna Rada Sergei Detto. 'dichiarato per l'anno 2015 patrimonio di denaro pari a mille miliardi di grivna (39 miliardi di dollari). Quando il reddito annuo di un parlamentare pari a uno stipendio parlamentare a 73 migliaia di grivna (circa 3 mila dollari). Ha poi spiegato che ha sottolineato tale importo in un scherzo con lo scopo di attirare l'attenzione sul problema della corruzione nel paese.

    http://lenta.ru

More news in the same category:

More Global News:

comments powered by Disqus