• I banchieri hanno ritenuto l'impatto delle nuove sanzioni UE nullo

  • Il nuovo pacchetto di sanzioni UE non influisce sul funzionamento delle banche russe, dato che non possono prendere a prestito soldi sui mercati occidentali già da diversi mesi. Di questa agenzia ITAR-TASS ha riferito due fonti vicine alla rientrare sotto pena di sanzioni istituti di credito.

    «In realtà di prelievo acciaio noi non disponibili in marzo, quando sullo sfondo della situazione con Крымом il costo del credito e la valuta è diventato troppo alto. Quindi, rispetto a luglio, la situazione non cambierà per noi», ha detto una delle fonti. Secondo l'intervistato ha riferito che dopo il 31 luglio sono state introdotte sanzioni contro il settore finanziario, la Russia, la banca non poteva raccogliere fondi anche per un solo giorno. «Pertanto, la riduzione di tempi già non pregiudicherà», ha detto.

    il 12 settembre l'unione europea ha pubblicato un elenco di aziende russe, contro i quali sono state introdotte nuove sanzioni. Sotto i limiti ottenuto petrolio (società «Rosneft», «Transneft» e «Gazprom») e оборонка («Uralvagonzavod», «Оборонпром» e United aircraft corporation).

    Anche in санкционном elenco sono rimasti cinque delle banche russe - Sberbank, VTB, veneto banca, la Vnesheconombank e della banca agricola. I residenti dell'UE non saranno in grado di fornire loro prestiti, ma anche di effettuare operazioni con le nuove versioni di obbligazioni e di altri titoli con le scadenze di trattamento di oltre 30 giorni. In un precedente pacchetto di sanzioni previsto il limite di transazioni in titoli con scadenza superiore a 90 giorni.

    http://lenta.ru

More news in the same category:

More Global News:

comments powered by Disqus